Sviluppiamo il nostro Femminile Spirituale impresso in noi dai nostri Creatori (con podcast)

Ascolta il podcast:

Per sviluppare il nostro femminile spirituale dobbiamo per prima cosa imparare a osservarci e ascoltarci.

Poi bisogna capire che abbiamo a che fare con una mente, la nostra, nella quale i pensieri proliferano continuamente e ci rendono difficile rimanere collegati al presente. Infatti i pensieri tendono a risucchiare la nostra attenzione su di sé ed è per questo che perdiamo il contatto e il controllo sul presente. Questa mente, con il suo continuo proliferare di pensieri senza nessun controllo da parte della nostra coscienza spirituale, ci ha imposto di creare automatismi che invadono sempre più la nostra vita.

Lo schema automatico che tutti conosciamo meglio è quando guidiamo l’auto: persi nei nostri pensieri inseriamo il pilota automatico cerebrale e ci ritroviamo a casa senza nessuna consapevolezza della strada che abbiamo fatto. Ma questo avviene sempre di più in tutto ciò che facciamo durante la vita. I pensieri continui hanno preso il controllo su di noi e sulla nostra esistenza. 

Questa perdita di consapevolezza, oltre a sottrarci tempo di esistenza perché siamo risucchiati dentro i pensieri, serve a chi ci controlla per farci diventare sempre più dei robot biologici senza coscienza, tante anime addormentate! 

Sì, addormentate e quindi incoscienti in quanto i pensieri creano continuamente realtà di vita ed entità sottili che poi vivono della nostra energia vitale sia durante la vita che dopo la morte. 

Che cosa è accaduto, che ha portato la nostra mente a farci vivere vite perse nei “nostri” pensieri?


Diverse situazioni traumatiche perpetrate ai danni dei nostri avi genetici materni e paterni, e di tutti coloro che avevano ancora in sé la scintilla divina e un DNA divino rimasto vitale, hanno portato nel tempo la nostra specie a perdere la consapevolezza della realtà di vita che stava vivendo con i corpi fisici.

Se ci pensate, in quali situazioni una persona non può parlare e dire ciò che pensa o che anima il suo cuore? Ogni volta in cui subisce la distruzione dei suoi diritti, dei suoi ideali e della sua scala dei valori, quando ha solo la libertà di pensare perché se parla e dice che cosa pensa veramente viene uccisa. 

E quali sono stai i periodi bui durati secoli in cui i nostri avi, genetici e non, non hanno potuto esprimere le loro idee e principi spirituali?

L’Inquisizione è uno di questi. È stata creata apposta per sopprimere una specie (i nostri avi e tutti quelli che possedevano ancora una Coscienza spirituale) considerata inferiore o nemica da coloro che ci controllano e per eliminare il libero arbitrio dato a ciascuno di noi dai nostri Creatori. Questo libero arbitrio era fondato sui pensieri creativi, sui significati in base ai quali il divino crea la sua esistenza, sul linguaggio che esso fa esprimere alla specie, sulle azioni e creazioni nate dalla scala dei valori della coscienza. 

Un patrimonio di amore, vita, responsabilità, etica, giustizia e spiritualità che i nostri avi, e chi possedeva ancora dei principi spirituali, aveva da tramandare in eredità a noi discendenti e che invece non ci ha lasciato: noi siamo nati depauperati di questi valori. 

L’Inquisizione, come scenario distruttivo verso tutti noi, ha fatto in modo di impedire che questi valori spirituali creativi dati dal libero arbitrio divino si sviluppassero anche nei discendenti, sopprimendo con la forza e le torture e i roghi tutti coloro che avevano dentro di sé un femminile spirituale fatto di valori e pensieri altamente creativi. 

Intere generazioni sono state annientate togliendo loro il libero arbitrio spirituale, i valori e la sostanza divina, per estirpare quello che dai nostri controllori era considerato il male, la malattia che non poteva essere manifestata da nessuno. 

Così la religione cristiana è stata usata da schiere di carnefici mascherati da Uomini Pii e di fede controllati da coloro che, considerando sé stessi l’unica super razza, volevano sterminare il divino dei nostri avi e soprattutto di coloro che possedevano ancora principi spirituali e un DNA divino. Gli stessi controllori hanno creato nel tempo scenari di distruzione uguali o simili a quelli dell’Inquisizione, solo adeguandoli ai tempi e ripetendoli in tutte le guerre e le persecuzioni. Mi riferisco ai campi di concentramento di Hitler, ai genocidi di Stalin, al genocidio tibetano da parte dei cinesi, a quello cambogiano, alle dittature come quella cilena o spagnola, alla Rivoluzione Culturale cinese, al massacro armeno e prima ancora alla distruzione dei popoli precolombiani o dei catari, alle guerre mediorientali, ai conflitti religiosi europei e così via.

Intere generazioni di avi genetici e di individui dotati di Coscienza e valori spirituali hanno progressivamente perduto la loro sostanza divina subendo soprusi, torture e morte e, senza più la presenza dei valori spirituali, i controllori hanno fatto decadere le masse e quindi anche noi, non più collegati alla mente superiore della nostra coscienza divina, ma solo alla mente inferiore e più animale che ci forma.

La perdita della nostra coscienza divina femminile spirituale ha portato da tempo noi discendenti ad avere una mente inferiore piena di pensieri bassi e non evolutivi che ci piovono addosso continuamente e si rubano le nostre vite non vissute, persi come siamo dentro di essi. 

I nostri pensieri si nutrono della nostra energia vitale mentre noi diventiamo sempre più dei robot biologici.

Non esistendo più una coscienza divina spirituale femminile, non c’è più una forza divina che trasformi questi pensieri bassi e usi la sua creatività per dare forma con la sua potente mente a pensieri divini capaci di indurre nuove realtà che permettano all’amore, alla vita, all’etica, alla giustizia e alla gioia di permeare la nostra dimensione o più dimensioni in contemporanea, come sarebbe naturale se non fossimo stati depauperati e scollegati dalla coscienza superiore.


Esercizio

Che cosa possiamo fare per imparare di nuovo a prendere il controllo della nostra mente inferiore e a ripristinare in noi un trait d’union con ciò che è rimasto del nostro Femminile spirituale, così da sviluppare di nuovo i suoi poteri divini?

Magari possiamo iniziare a osservarci in auto e, quando ci accorgiamo che siamo stati risucchiati dentro ai pensieri, poniamoci l’obiettivo di stare presenti a osservare la strada e cosa realmente stiamo facendo.

All’inizio vi accorgerete che non è così facile stare tanto tempo fuori dai pensieri, perché loro sono ingordi e vogliono riprendervi dentro di sé per nutrirsi della vostra energia e tempo. Ma voi non perdetevi d’animo e continuate questo esercizio fino a che vi accorgete che controllate voi i pensieri della vostra mente inferiore e non accade più il contrario.

Questo significa che siete riusciti a creare un punto di consapevolezza nella realtà materica che state vivendo e siete stati bravissimi! Adesso siete pronti per affrontare altre situazioni di vita in cui fino a ieri siete stati dei robot senza coscienza persi nei pensieri. 

Ricordatevi di tenere sempre presente il Punto di Consapevolezza sviluppato con gli esercizi sull’auto, questo Punto deve rimanere sempre attivo anche se state facendo un altro esercizio o attività.

Il fatto che noi discendenti siamo nati depauperati del nostro divino femminile spirituale non ci dà il diritto di restare dentro alla mente animale a nutrirla così come abbiamo fatto fino ad ora. Noi abbiamo il Dovere, per amore proprio e verso coloro che hanno combattuto e sono stati sconfitti, di sviluppare nuovamente il nostro femminile spirituale, che ci appartiene come diritto divino datoci dai nostri Creatori.

Fiorella Rustici
Formatrice Gruppo Rebis

Pubblicato da Redazione Rebis

Membro gruppo esperti e gruppo redazione di Rebis.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: