Verso la guarigione dell’umanità

Benvenuti nel cambiamento

L’umanità si trova a transitare verso una nuova era, dove il progresso non avrà più come obiettivo la sfrenata corsa verso il raggiungimento di tecnologie migliori di quelle del vicino, ma lo sviluppo di rapporti basati sulla spiritualità e la cooperazione tra tutti.

Tutti i cambiamenti portano con sé sofferenza per via delle cose che dovremo lasciarci alle spalle. La nostra parte egoica soffre perché finora viveva in un’illusione che non le faceva vedere il suo vero volto, ma il cambiamento energetico generalizzato sta facendo cadere tutti i veli della falsità, e chi più e chi meno si sta incamminando verso la verità e l’amore.

Anche se la sofferenza è e sarà tanta ancora, l’accettazione, insieme alla comprensione, di ciò che la caduta dei veli della menzogna ci mostra, è fondamentale per rompere le catene alle quali l’umanità tutta è stata messa tanto tempo fa.

Prendere atto della sofferenza, propria e altrui, e osservarla con distacco è un buon punto di partenza. Il cambiamento in sé non è doloroso, ma lo è la resistenza che facciamo ad esso. Tuttavia il cambiamento è necessario poiché una natura più spirituale, una versione più elevata di noi stessi aspetta di essere raggiunta in qualche punto di questa illusione spazio-temporale.

Questo cambiamento sarà caratterizzato dalla comprensione che l’essenza deve liberarsi dall’identificazione nelle forme, poiché rimanere fermi in una forma comporta la schiavitù della Vita stessa che non è più libera di muoversi e di agire come la sua vera natura vorrebbe.

La Vita è movimento, è comprensione ed è il superamento di ogni schema e di ogni forma che la trattenga, poiché lei è energia ed energia deve rimanere. Può e deve fare esperienza per comprendere l’esistere, ma non deve mai essere intrappolata dall’esperienza stessa.

La guarigione è il processo di comprensione della malattia, mentre la malattia è caratterizzata dal conflitto e dallo stato di mal-essere che ha trattenuto a lungo l’essenza della vita in un determinato schema mentale e/o in una forma, portando l’essenza stessa a dimenticarsi di sé e del suo vero scopo di comprensione e movimento.

La vita si manifesta in tutti e in tutto, ma quando perde di vista il vero significato della sua essenza, e si identifica nella sua stessa manifestazione, allora incomincia a frammentarsi, a perdersi nei meandri della mente e ad allontanarsi dall’energia che la mantiene unita a tutte le sue parti e manifestazioni.

Questa energia capace di mantenere l’unione di tutte le cose è l’Amore.

Non è la vita a salvare altre vite, ma è l’Amore che la vita riesce ad accogliere e a manifestare a salvare la vita stessa. Infatti un medico non scambia la propria vita per quella dei sui pazienti, ma usa l’Amore per loro per aiutarli a guarire.

L’Amore è l’energia suprema che si mantiene al di fuori dell’esistere pur manifestandosi in esso. Sta a noi contattarla e riagganciarci ad essa, perché è questo l’unico scopo della Vita, tornare all’Amore.

Perciò permettiamo alla vita di vedere oltre i veli delle illusioni, dove lei stessa si è identificata e si è persa, passiamo attraverso questo momento tragico e facciamoci aiutare dall’Amore attraverso l’accettazione, la comprensione e il perdono. Poi facciamo un grande respiro e lasciamo andare via tutto ciò che di marcio c’è in noi.

Sentiremo i nostri corpi cambiare man mano che i vecchi schemi si sgretolano per liberare l’essenza in essi intrappolata, sentiremo dolore fisico e psicologico in questi processi, ma è soltanto il dolore che abbiamo accumulato nell’ingabbiarci dentro le forme e dentro gli schemi mentali.

Concediamoci il tempo che ci serve, poiché il tempio deve essere ripulito dalle impurezze e pronto ad accogliere il nuovo, che in realtà nuovo non è. La vita verrà liberata dalle sue illusioni e prenderà per mano l’Amore per salire, insieme ad esso, ad un nuovo stato di consapevolezza di sé.

Stiamo finalmente guarendo, perché ri-tornando all’Amore ri-troveremo ogni nostra parte di essenza e potremmo ri-unificarle in unico punto fatto di comprensione e tenuto assieme dall’Amore.

Alberto Allas
Blogger Gruppo Rebis

Pubblicato da Redazione Rebis

Membro gruppo esperti e gruppo redazione di Rebis.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: