Intervista a Giulio Tarro

GIULIO TARRO, candidato al Nobel per la Medicina nel 2015 e tra i virologi più importanti nel panorama internazionale che isolò il vibrione del colera e sconfisse il male oscuro a Napoli, risponde alla domande di Rebis.

Il professor Tarro tiene le distanze da AIFA e ISS con un “no comment” per aver escluso Giuseppe De Donno e gli ospedali Poma di Mantova e il San Matteo di Pavia dalla sperimentazione col plasma iperimmune, mettendo lo Studio Tsunami di Pisa, che non ha esperienza di casi, come capofila della ricerca.

È tranquillo sulla situazione odierna perché “abbiamo già il “vaccino”, tra virgolette, perché abbiamo gli anticorpi del guarito a salvarci la vita”.

Simona Valesi
Blogger Gruppo Rebis

Simona Valesi intervista al Dott. Giulio Tarro

Pubblicato da Redazione Rebis

Membro gruppo esperti e gruppo redazione di Rebis.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: